Investire in una pizzeria il business è sicuro … ma solo se si è preparati

Investire in una pizzeria il business è sicuro ... ma solo se si è preparati

Investire in una pizzeria il business è sicuro … ma solo se si è preparati.

Il successo della pizza è tutto nella sua semplicità, piace perché unica nel suo genere ma anche soprattutto perché può accontentare una gran varietà di palati. Un patrimonio della tradizione italiana da tutelare e preservare per le future generazioni. Nei prossimi anni probabilmente viaggeremo nello spazio, avremo il teletrasporto e le più sofisticate tecnologie, ma di sicuro mangeremo ancora pizza!

Per questo oggi come ieri, investire in una pizzeria è comunque sempre un buon affare, la domanda a differenza di altre categorie nella ristorazione è in continuo aumento. Un segno se vogliamo anche sociale, infatti, oggi sempre più persone mangiano fuori casa, la pizza in questi casi è il piatto più richiesto, veloce, buono e a un prezzo sostenibile. Ecco i migliori ingredienti commerciali della pizza, aprire una pizzeria è fare un investimento con un ritorno sicuro e garantito, ovviamente seguendo il giusto modello di analisi del business.

Che cosa fare prima di investire in una pizzeria

La base di una pizzeria è sicuramente il pizzaiolo, quindi occorre selezionarne uno bravo o nel caso imparare questo mestiere, quindi seguendo un percorso di apprendimento valido e professionale, quello che facciamo da sempre noi di Pizzaitalianacademy.

Poi occorre valutare la location, questa è determinante per il successo della pizzeria, perché sbagliare la posizione, vuol dire lavorare sottotono o nel peggiore dei casi può rivelarsi un insuccesso anche se la pizza che si propone è ottima, perché sebbene la pizza sia amatissima e molto richiesta, se non si è in una zona di transito, questo penalizzerà il business.

Diciamo comunque che la location è uno dei punti più facili da risolvere, per il resto il successo sarà determinato dalla bontà della pizza e questo dipende solo dal pizzaiolo!

Se quando si apre una pizzeria non si è pizzaioli ma solo imprenditori bisogna valutare e capire bene che affidarsi a pizzaioli per far gestire il proprio business non è sempre facile ne così scontato. I motivi sono molteplici, ad esempio qualche settimana fa ho incontrato un gruppo d’imprenditori italiani che avevano aperto una pizzeria a Barcellona.

Vedendo la vitalità della città avevano dato per scontato che aprendo una pizzeria italiana lì avrebbero avuto un successo sicuro, la realtà però è stata che si sono dovuti scontrare con la scarsa voglia di lavorare di pizzaioli italiani che si trovavano già a Barcellona che spesso anche il sabato si davano per malati all’ultimo momento preferendo andare ad una festa che andare a lavorare, stessa cosa per il personale di cucina.

Altri casi di pizzerie all’estero finite male si sono verificate sempre quando il proprietario non essendo pizzaiolo aveva aperto pensando che sicuramente avrebbe trovato pizzaioli validi per gestire la pizzeria invece ha trovato pizzaioli che si sono spacciati per gran maestri senza esserlo, o altri che dopo un paio di mesi gli hanno chiesto il doppio dello stipendio per restare altrimenti se ne sarebbero andati mollandolo da un giorno all’altro senza aver oltretutto insegnato a nessuno come fare la pizza.

Potrei raccontare tanti altri casi ma ci sarà occasione in altri articoli, per il momento vi lascio consigliando a tutti quelli che vogliono aprire una pizzeria anche solo da imprenditori, d’imparare comunque a fare la pizza anche solo con un corso base per poter innanzitutto capire se il pizzaiolo che si mette a lavorare sia veramente bravo come dice e chissà se proprio ce ne dovesse essere bisogno poter salvare qualche serata in cui il pizzaiolo non si presenta.

Arturo Mazzeo
Presidente
Accademia Italiana della Pizza
Pizzaitalianacademy

Add a Comment